Gmail, rubate oltre cinque milioni di password da hacker russi

0
234

A quanto pare, il 2014 si sta rivelando un anno particolarmente pericoloso per quanto riguarda la sicurezza in Rete. Oltre agli attacchi DDoS, moltiplicati in seguito alle proteste degli attivisti digitali, tocca anche al colosso Google fare i conti con un problema impellente al proprio servizio di posta elettronica, ovvero Gmail.

Gmail, rubate oltre cinque milioni di password da hacker russi
Gmail, rubate oltre cinque milioni di password da hacker russi

Il popolare servizio di e-mail è infatti stato colpito da una recente sventura: oltre cinque milioni di indirizzi mail, comprensivi di credenziali, sarebbero state postati da ignoti hacker russi (dove spesso tali iniziative hanno origine) su alcuni forum relativi all’utilizzo di Bitcoin, scatenando un’ondata di disdegno globale, che non ha faticato ad essere notata da Google in persona.

Big G sta ora provvedendo a mettere al sicuro i propri server da altre possibili fughe di notizie, tuttavia si viene comunque incoraggiati a cambiare rapidamente password e ad attivare, se possibile, l’autenticazione a due fattori, ovvero un feature di Gmail in grado di rendere l’accesso più sicuro e soprattutto finora impossibile agli hacker, grazie all’invio di un codice di accesso sicuro al proprio cellulare, in occasione di ogni login.




Registrare quindi tramite questo modo i propri dispositivi che si ritiene più sicuri rappresenta, ad oggi, una delle forme più potenti di resistenza ad eventuali malintenzionati che cercano di entrare nei nostri account: possedendo la sola password, senza codice correlato, non potranno entrare indebitamente.

Google si allinea così alla marea di altre major dell’elettronica e dell’entertainment che hanno subito nel 2014 uno dei più massicci e pervasivi attacchi hacking della storia; assieme a Yandex (principale motore di ricerca russo), che non vantava una fuoriuscita di dati simile dal 2011. Ci auguriamo che al più presto tali strutture possano essere rafforzate, a beneficio di tutti gli utenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.