Traffico aereo di droni, ci pensa la NASA

0
172

Pubblicità

Le cose stanno cambiando in un modo che, bene o male, ce lo potevamo aspettare. Ricorderete sicuramente qualche film di fantascienza in cui svariati velivoli piccolini ed autopilotati sfrecciavano ovunque sul cielo delle metropoli: a volte erano droni-poliziotto, a volte droni militari ed ora, nella realtà ovviamente, diversi corrieri vogliono farli diventare veri e propri vettori per le loro spedizioni che possano quindi volare 24 ore su 24 ad un costo decisamente inferiore di quello attuale e con un maggior rispetto per l’ambiente.

Traffico aereo di droni, ci pensa la NASA
Traffico aereo di droni, ci pensa la NASA

Per rendere tutto questo possibile c’è bisogno di collaborazione da parte dei grandi enti mondiali che, effettivamente, si stanno mettendo al lavoro per portare a termine l’obiettivo.

C’è la Federal Aviation Administration americana che sta per presentare una proposta di legge per rendere possibile il volo di droni per uso commerciale e anche Google sta mettendo a disposizione la sua tecnologia insieme alla NASA che sta preparando un sistema di controllo e gestione del traffico per tutti questi droni che trafficheranno incessantemente sul cielo delle nostre città.




Sarebbe bello avere dei corrieri del genere, ma il costo all’utente finale a quanto ammonterà? Possono davvero portare profitto a delle società enormi come FedEx, UPS e tutte le altre? La cosa fondamentale credo sia la qualità del servizio che riusciranno ad offrire. Se un drone del genere riuscisse a consegnare un pacco in 2 ore su una distanza di 1000 e passa km potrebbe rivelarsi davvero molto interessante come servizio.

Pubblicità

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here